Le specializzazioni del lavoro, i forgiatori

(Pagati a giornata). La cava di Cala Francese aveva una forgia grande attrezzata per ogni tipo di lavoro, dove l’acciaio

Leggi il seguito

I monumenti realizzati con il granito maddalenino

L’opuscolo stampato dalla SEGIS nel 1919, con l’aggiunta di appendici fino al 1931, riporta quasi tutte le opere realizzate con

Leggi il seguito

Le abitudini degli scalpellini

Le caratteristiche fondamentali dell’abbigliamento degli operai della cava restarono invariate negli anni, costituendo quasi, per la loro uniformità, una divisa:

Leggi il seguito

La vita della cava

Dopo il 1904, con la presenza stabile di Attilio Grondona, la soluzione dei problemi organizzativi iniziali e la crescita costante

Leggi il seguito

La vita difficile degli scalpellini

La malattia più frequentemente diffusa fra gli scalpellini era la silicosi, determinata dalla inalazione continua della sottile polvere di granito:

Leggi il seguito

Le immigrazioni degli scalpellini

È questa l’epoca delle immigrazioni più consistenti: malgrado l’alternarsi di persone che venivano solo per alcune stagioni, cercando di rientrare

Leggi il seguito

L’organizzazione del lavoro in cava

Quando la ditta Marcenaro e Grondona acquistò la cava, non fu sempre facile attirare la manodopera e quindi convincerla a

Leggi il seguito

Il declino di Cava Francese

Dopo un lungo periodo di crescita che pareva inarrestabile, con soddisfazioni economiche e morali per la SEGIS, la vera crisi

Leggi il seguito

L’assetto della società SEGIS

L’alternanza nella direzione della cava cessò quando Attilio Grondona decise di accasarsi alla Maddalena sposando Lucia Manini. Da quel momento

Leggi il seguito

Le prime commesse di Cava Francese

Le prime due importanti commesse ottenute mettevano alla prova e contribuivano a rodare il sistema: la prima prevedeva la fornitura

Leggi il seguito