Correva l’anno 1859

L’ARRIVO DI CARLO ALBERTO – 1843 DA “VIAGGIO IN SARDEGNA” DI LA MARMORA – 1859
Il porto della Maddalena, detto Cala Gavetta, non è molto vasto, ma basta ai bisogni della popolazione; nel suo ingresso vi è uno scoglio granitico sotto acqua ch’era molto pericoloso, e sopra il quale batterono molti bastimenti, tra i quali un vapore francese riccamente carico per il Levante, e che il cattivo tempo aveva obbligato di dar fondo in questo largo: esso si spaccò su questo scoglio e soffrì grandi avarie; ma ora questo scoglio è stato tolto, e l’ingresso di questo porto è sicuro. Nei suoi orli vi hanno praticato degli argini che ai piccoli battelli permettono di avvicinarsi onde imbarcare le mercanzie. Sopra questa spiaggia si osserva una piramide in pietra che sopporta una delle bombe lanciate dal giovine Bonaparte, come si dirà qui sotto.… I Francesi avevano già stabilito la loro batteria nell’isolotto di S. Stefano, in un luogo detto Puntarella. Nella mattina del 22 questa batteria aveva aperto il suo fuoco contro il borgo della Maddalena: la prima bomba cadde sulla chiesa parrocchiale; essa affondò nel tetto e penetrò nell’interno della chiesa, rotolando ai piedi dell’altare, senza scoppiare. È da credere che questo primo proiettile fu lanciato vuoto espressamente da Bonaparte, sia perché non volesse rovinar la chiesa, sia perché egli voleva solamente con questa prima sperimentare il suo tiro; questo mi sembra più probabile: il fatto è che essa non era carica, perché si trovò vuota, e per conseguenza non aveva scoppiato, lo che naturalmente si attibuì a miracolo.
Le altre bombe che susseguirono scoppiarono quasi tutte; la seconda abbattè l’angolo della stessa chiesa verso ponente, essa scoppiò e ferì uno nominato Simone Ornano, ch’era accorso armato in difesa del suo paese. La terza e la quarta caddero sopra il tetto dell’abitazione del fu Giuseppe Ferracciolo, attigua alla chiesa, questa casa fu notevolmente danneggiata: la quinta scoppiò nella piazza della chiesa, e fece guasti alle case vicine: una palla entrò dalla finestra di davanti della stessa chiesa, ed andò a cadere ai piedi della statua della patrona S. Maria Maddalena, senza cagionarvi danno. Un’altra bomba cadde sopra la casa del fu Paolo Martinetti, un’altra sopra quella del fu Michele Constantini; esse scoppiarono ma non fecero gran danno; una decima cadde sopra il tetto della casa del fu comandante Millelire, essa scoppiò, e sino ad oggi si conserva un frammento dalla famiglia.
Io ho voluto riprodurre tutte queste particolarità, che mi furono comunicate da una persona degna di fede, grazie alla gentilezza del fu Vice Ammiraglio Conte Albini, per constatare l’autenticità dei tre oggetti che sino ad oggi si conservano in memoria di quest’attacco, e come ricordo di un grande uomo che appuntò egli stesso tutti questi proiettili. Il Valery parlando della bomba che cadde sopra la chiesa senza scoppiare, dice che fu venduta nel 1832 per 32 scudi al sig. Craig, inglese, da un consigliere municipale della Maddalena; coll’intenzione di acquistare con questa somma un orologio da collocare nel campanile della Parrocchia; il fatto è che l’orologio non fu acquistato finora, a quanto io sappia, e che la bomba non è stata mandata in Scozia, come suppose il Valery, ma è restata sempre proprietà del sig. Craig, diventato poi Console Generale d’Inghilterra in Sardegna“. Da: Rivista Marittima – Luglio 1896 – di Emilio Prasca  L’ASSALTO DEI FRANCESI ALL’ISOLA DELLA MADDALENA NEL 1793 (l’autore risponde ad A.V. Vecchj autore di un articolo sulla stessa rivista nel numero di Maggio)

18 febbraio

Lasciata Caprera, Garibaldi è a Torino, dove è stato convocato dal Re. nominato Maggiore Generale, assume il comando dei Cacciatori delle Alpi e prende così parte alla vittoriosa seconda guerra d’indipendenza.

17 marzo

Garibaldi lancia un appello per la costituzione di un corpo di volontari. Il 17 marzo si costituisce, con decreto del re Vittorio Emanuele II, il corpo dei Cacciatori delle Alpi, da lui comandato. È di nuovo guerra, la Seconda Guerra di Indipendenza, tra il Piemonte e l’Austria. Convocato dal re sabaudo all’inizio di maggio, Garibaldi riceve l’incarico di difendere Torino, cessata la minaccia, avendo Napoleone III respinto gli Austriaci in territorio lombardo, ha libertà d’azione e, attraversato il Ticino con un ponte di barche, attacca e sconfigge gli Austriaci a Sesto Calende. Intanto questi ultimi sono battuti a Magenta e subito dopo a San Martino e a Solferino dall’esercito piemontese e da quello francese. Modena, Parma, Bologna, Firenze ed altre città chiedono di essere annesse al Piemonte, formando, il 10 agosto, una lega militare comune con al comando Garibaldi, che a settembre lancia una sottoscrizione per raccogliere cinquemila franchi destinati all’acquisto di un milione di fucili: nei suoi progetti la liberazione della Sicilia e la conquista di Roma.

29 aprile

Seconda guerra contro l’Austria.

5 maggio

Mentre Garibaldi è alla guerra, Battistina Ravello dà alla luce una bambina che viene battezzata col nome di Anna Maria Imbeni (ma verrà sempre chiamata Anita). Garibaldi la riconosce come sua figlia, l’11 Settembre 1861. La sfortunata ragazza morirà sedicenne, nell’estate del 1875.

19 maggio

Nel 1855 il ministro argentino Mitre aveva incaricato Olivieri, nel frattempo riscattato dalle galere pontificie su intercessione del governo bonearense, di organizzare una Legione “agricola militare” di 600 uomini, in gran parte veterani della Legione italiana integrati da qualche altro europeo, da un pugno di gauchos e alcune dozzine di donne, per impiantare una colonia agro-pastorale a Bahia Blanca.
La squadra navale che nel febbraio 1856 trasferì la spedizione era comandata dal colonnello Giuseppe Muratori. In novembre, esasperati dalle condizioni di vita e dalla dura disciplina, una ventina di ammutinati trucidarono il colonnello e il cappellano. Fucilati i due caporioni ed abbandonate le velleità colonizzatrici, l’insediamento si trasformò in una base a carattere puramente militare, comandata da un energico e capace ufficiale d’artiglieria exgaribaldino, il maddalenino Giuseppe Antonio Susini-Millelire (1819-1900). Così il 19 maggio 1859 i legionari, al comando di Susini, del maggiore Ciarlone e dei capitani Radino e Caronti, respinsero valorosamente un attacco di 3.000 indios guidati dal cacicco Ancalao (soprannominato “Baccalà” dagli italiani), uccidendone circa 200. In seguito, sotto l’impulso del capitano Filippo Caronti, fondatore della colonia “Nuova Roma”, Bahia Blanca si avviò verso un grande sviluppo urbano e portuale, culminato alla fine del secolo nella costruzione della maggiore base navale argentina, Puerto Belgrano, costruita nelle vicinanze dall’ingegnere italiano Luiggi.

30 maggio

Un certo Lorca evaso dalla Corsica con una piccola barca, si dirige verso la Sardegna; viene allertato anche il Sindaco di La Maddalena, al quale venne chiesto, non appena il fuggitivo fosse arrivato sull’isola, “questi fosse ricercato ed arrestato”.

1 giugno

Garibaldi, fresco papà, conosce a Robarello (Como) la bella e vezzosa marchesina Giuseppina Raimondi, ed è subito cotta.

10 giugno

A Milano, Garibaldi riceve la medaglia d’oro al valor militare per le vittoriose operazioni militari condotte e la nomina a Grande Ufficiale dell’Ordine Militare di Savoia.

11 luglio

Armistizio di Villafranca. I sardi caduti nella guerra sono 97. Dopo alcune vittorie Napoleone III, timoroso di complicazioni internazionali e combattuto dall’opinione pubblica francese ostile alla formazione di un grande stato italiano ai propri confini, decise il 6 luglio di proporre all’Austria un armistizio: venne firmato l’8 dal maresciallo Vaillant e dal generale Martimprey per la Francia, dal generale La Rocca per la Sardegna, dal barone Hess e dal conte Mensdorff per L’Austria. I preliminari di pace vennero conclusi l’11 attraverso i colloqui dei due imperatori e fissarono il principio della rinuncia Austriaca alla Lombardia e della creazione di una confederazione italiana con a capo il Papa; furono ratificati da Vittorio Emanuele II e portarono alle dimissioni di Cavour.

4 agosto

La Francia vieta la lingua italiana in Corsica; La Corsica viene annessa alla Francia nel 1769, ma in realtà da un punto di vista culturale e linguistico essa è rimasta per lungo tempo un’eccezione rispetto alla parte continentale del Paese. Mantenne cioè le sue peculiarità. In particolare, il popolo mantenne l’uso del còrso, lingua parlata utilizzata nell’uso di tutti i giorni. Mentre la lingua amministrativa continuò ad essere l’italiano, già utilizzato da secoli dalla Repubblica di Genova e nella breve Repubblica Còrsa di Pasquale Paoli. Molti atti pubblici continuavano ad essere scritti in lingua italiana, tanto che con un apposito decreto del 10 marzo 1805, veniva derogato per l’isola l’uso obbligatorio del francese. La situazione cambia nel 1859, e precisamente nella data di oggi: è infatti del 4 agosto di quell’anno la sentenza della Corte di cassazione francese che vieta totalmente l’uso dell’italiano in Corsica, proclamando il francese unica lingua ufficiale dell’isola. La tempistica dell’intervento della Corte di Cassazione si iscrive nella volontà di uniformazione del Governo, che sul piano linguistico si trasforma in politica di uniformazione e assimilazione, volta anche a rafforzare il senso di appartenenza di tutti i territori francesi ad un’unica nazione. Ma probabilmente un altro fattore portò la Corte a legiferare in tal senso proprio in quella data. Infatti, poche settimane prima, nel luglio 1859, si era conclusa la Campagna d’Italia di Napoleone III contro l’Austria, a sostegno del Regno di Sardegna. Alcuni storici sostengono quindi che il divieto di utilizzo della lingua italiana e l’accelerazione al processo di assimilazione culturale fu dettato anche dai timori suscitati dall’avvio che la campagna aveva dato ai moti rivoluzionari italiani e dal pericolo che anche l’isola potesse esserne direttamente coinvolta. Il rischio concreto che la Corsica entrasse a far parte del nascente Stato unitario italiano non ci fu mai, ma la Francia potrebbe aver voluto correre ai ripari per evitare questa eventualità. Da quel momento iniziò il processo che spezzò il legame storico e di parentela tra lingua italiana e còrsa, che si trovò progressivamente a contatto con la sola lingua francese, con inevitabili conseguenze sulla formazione della lingua còrsa, che al francese iniziò ad attingere per prestiti e neologismi. Un’altra lingua neolatina, certo, ma sicuramente meno affine rispetto all’italiano.

23 ottobre

La legge Rattazzi divide la Sardegna in due sole province (Cagliari e Sassari), con 9 circondari.

23 ottobre

Il conflitto argentino, incubato dalla lunga guerra doganale, fu scatenato dall’ammutinamento della fanteria di marina imbarcata sulla nave bonearense General Pinto. I ribelli catturarono il loro comandante, José Murature, e uccisero il fratello Alejandro, comandante di un’altra unità navale, che aveva tentato di fermarli, volgendo poi la prora su Rosario e unendosi alla flottiglia confederata. Buenos Aires reagì con una rappresaglia contro le batterie costiere di Rosario, cannoneggiate il 5 ottobre dalla flottiglia portegna al comando di Susini. La flottiglia confederata, comandata da Mariano Cordero, replicò il 14 forzando il passo del Paranà dopo duro combattimento con la batteria portegna di Martin Garcia e raggiungendo Rosario per mettersi a disposizione di Urquiza.
Fu questo scontro a decidere la guerra. La legislatura confederata autorizzò Urquiza a riportare la provincia secessionista in seno alla Confederazione “con la pace o con la guerra” e quella portegna conferì al proprio governo i poteri necessari per respingere l’aggressione confederata. La guerra fu decisa in una sola battaglia, svoltasi il 23 ottobre a Cepeda, dove Mitre, ora governatore, era attestato con 9.000 uomini e 24 cannoni (fanteria in prima linea con l’artiglieria al centro, cavalleria in seconda linea alle ali).
L’esercito confederato – 14.000 uomini con 32 cannoni – impiegò alcune ore per guadare l’Arroyo del Medio, confine interprovinciale. La fanteria confederata, inferiore a quella bonearense, fu accolta dal fuoco di sbarramento delle batterie nemiche, inducendo Urquiza a spostarla su entrambe le ali, formate dalla sua famosa cavalleria. Mitre accennò a mutare fronte spostando forze sulla destra, ma dovette rinunciarvi perchè nel frattempo l’ala destra confederata, guidata personalmente da Urquiza, aveva travolto l’ala sinistra portegna travolgendo la cavalleria nemica e poi il quadrato del battaglione.
2, penetrando in profondità alle spalle dello schieramento nemico, dove molti reparti si arresero o disertarono. Tuttavia, grazie all’eroico contrattacco della Legione italiana di Susini (detto poi “l’eroe di Cepeda”), Mitre potè resistere sino a notte e, col favore delle tenebre, sganciarsi con 2.000 superstiti sfilando in mezzo alla cavalleria nemica. Due giorni dopo le due flottiglie si affrontarono in un confuso scontro nelle acque di San Nicolas.

13 novembre

La legge Casati sopprime l’Università di Sassari (che sarà però restaurata l’anno successivo).

20 novembre

Il Parlamento subalpino approva una nuova legge mineraria che liberalizza ulteriormente la ricerca e lo sfruttamento.