Correva l’anno 1966

Nel maggio 1966 con queste due righe Mario Boccone esprimeva la gelosia con la quale i maddalenini dovrebbero difendere la piazza tanto cara da ogni ‘invasione’ abusiva. Sono passati più di trent’anni, i tempi sono cambiati assieme alla piazza, ma l’occupazione abusiva pare continuare. Oggi la sua occupazione si chiama disinteresse. Non se lo meriterebbe. “E’ uno spazzo fra i più ampi esistenti in Sardegna, che ha visto scorrere gran parte della storia di queste Isole, specialmente da quando, alla fine del secolo scorso, venne scelta come “cuore” dell’edificanda cittadella militare,: qui la sede del Comando Militare Marittimo, l’alloggio dell’Ammiraglio, gli alloggi degli ufficiali, gli uffici del Genio Militare. Si questa piazza si aprono alcuni dei più belli edifici di stile umbertino presenti in città, qui avvenivano le parate militari, i cambi dei comandanti, qui si presentarono al pubblico i reali d’Italia, Umberto I e Margherita, Vittorio Emanuele III ed Elena, qui approdò due volte Benito Mussolini. E’ stata la piazza sulla quale i maddalenini impararono a giocare a pallone prima del lastricamento e dell’elevazione, scalzi sulla sabbia che le piccole onde recavano nella rada di Cala Mangiavolpe (o meglio Cala Magnaurpi), e per questo era semplicemente la spiaggia nota come “a Reneddha”. Hanno continuato a fare le esercitazioni paramilitari quando erano chiamati “Figli della Lupa” o “Piccole Italiane”, hanno visto passarci i camion tedeschi, le dimostrazioni dei Radicali, gli striscioni degli antimilitaristi, ed infine i cambi dei vari Commodori americani. Una storia insomma”.

31 gennaio

Sulle pagine del La Nuova Sardegna, appare un’articolo da titolo: Un villaggio turistico sorgerà a La Maddalena (Villaggio Piras n.d.r.) Sarà costruito da venticinque villette e gli ospiti potranno praticare sport nautici. Una nuova iniziativa a carattere turistico s’è venuta in questi mesi ad aggiungere a quelle già in atto o in fase di realizzazione nel comprensorio dell’arcipelago. Trattasi in particolare della realizzazione di un nuovo villaggio a carattere residenziale con una originale caratteristica che prenderà consistenza nella prossima stagione in un area ubicata entro il complesso in zona Piras. L’iniziativa fa capo ad un operatore belga il signor Costant Brissa, ed avrà una particolare caratteristica: l’intero complesso, potrà soddisfare le esigenze della clientela indirizzata verso tutti gli sports nautici grazie all’impianto di tutte quelle attrezzature che, in aggiunta alle opere di carattere ricettivo, favoriranno la pratica del nuoto, dello sci acquatico e della vela. Il villaggio turistico “Nettuno”, così verrà chiamato il nuovo complesso, comprenderà oltre a 25 villini, una piscina e un piccolo molo per l’approdo di piccole imbarcazioni. Sempre nel settore delle realizzazioni turistiche si trovano ormai a buon punto, tanto che si pensa possano essere ultimati entro la prossima stagione, i lavori per la costruzione del “Flathouse”; questa realizzazione – la più importante tra quante ne sono state realizzate nell’ultimo decennio a La Maddalena – in virtù di un indovinato nuovo indirizzo turistico, consentirà di incrementare la ricettività isolana di circa nuovi 300 posti letto.

3 febbraio

La Procura della Repubblica di Cagliari fa sequestrare il film sulla Sardegna “Una questione d’onore” di Luigi Zampa perché «offensivo al comune senso del pudore».

22 febbriaio

Corsa inaugurale della nuova motonave “Bonifacio” sulla linea internazionale La Maddalena – Santa Teresa Gallura – Bonifacio.

9 febbraio

Animata discussione del Consiglio regionale sul primo rapporto d’attuazione del Piano di Rinascita. Presentato il Piano quinquennale 1965-69.

8 marzo

Francesco Cossiga è sottosegretario alla Difesa nel nuovo governo Moro.

22 aprile

Fiducia alla Giunta regionale di centro-sinistra presieduta dal gallurese Paolo Dettori (41 voti a favore, 30 contrari).

26 giugno

Un’equipe di studiosi individuò quasi per caso nella Cala di Villamarina, unica ampia insenatura dell’Isola di Santo Stefano, un riparo sotto roccia con tracce di permanenza di uomini neolitici. Quel primo uomo dell’Arcipelago aveva eletto a suo riparo una modesta grotta del tipo a “tafone” granitico, a un centinaio di metri dal mare, aperta a S/SW, cioè protetta dal vento prevalente, e molto vicina all’unica e abbondante sorgente d’acqua dell’Isola.

21 luglio

Per il Centenario della battaglia di Bezzecca, nella terza guerra d’indipendenza, il Presidente Saragat a Caprera rende omaggio alla tomba di Garibaldi; II Presidente della Regione, a nome di tutte le forze politiche, chiede un impegno per superare le distanze che separano la Sardegna dalle altre regioni. Assenti alla cerimonia le autorità religiose.

5 novembre

A capo della gestione dei rapporti diplomatici tra l’Italia e la Costa d’avorio è accreditato come Ambasciatore d’Italia ad Abidjan, il maddalenino Vincenzo Bolasco. Nato a La Maddalena nel 1906. Dopo la laurea entrò nella carriera consolare; dopo aver fatto esperienza in alcune sedi, tra il 1951 e il 1955 fu capo di gabinetto dell’autorità responsabile dell’Amministrazione fiduciaria in Somalia, incarico che esercitò con grande equilibrio. Tornato in Italia, tra il 1958 e il 1961 diresse il segretariato generale del Consiglio dei ministri della CEE.

26 novembre

Il sottosegretario alla Marina Militare on. Francesco Cossiga visita La Maddalena e il suo Arsenale.

16 dicembre

Il Parlamento discute dei finanziamenti alla SIR di Porto Torres. Il ministro Pastore afferma che tutto è stato regolare.