Eh… ehh…. ehhhhkologia

Monda anni fa, i cosi funziunaiani in maniera monda diversa da ogghi. I spazzini, ogghi operatori ecologici, erini quattru gatti, e cu dui carretti di legnu, tirati da un asinu, faciani tuttu u giru dill’isula. Zi Antunucciu (a bon mondu sia) li cumandaia tutti. Iddhu gavia un magazzinu propriu addavanti a in casa mea, pienu di ferru vecchiu e stracci, che raccuglia e poi rivindia. Un jornu passa Piccinnedda ex spazzinu, oramai in pinzioni e ghi dici a Zi Antunucciu: O Zi Antutù stracci n’agatteti? E iddhu da indrintu ghi rispondi eja. E Ossi puru? Eja, E tandu mi pesia. I stradi erini sempri belli puliti, tantu che l’isula, s’avia meritatamenti presu, u strau di “Piccola Parigi”. L’acqua allora era quiddha chi era ma alumancu era potabili (cusì diciani), i furtunati, pudiani cuntà in un rubinettu in cucina e unu in bagnu. se pocu pocu, t’azzardai di lasciallu apertu, erini carci un d’e i fianchi, e quarchi pattonu. A sera, quandu era jurnata d’acqua, ghera a fila, incuminciaia da Cardaliò e si dividia in dui. Una parti pigliaia l’acqua a Cardaliò, undi ghera Antunucciu, chi era a pompa, l’altra parti che iniziaia nell’incalata dell’ospiziu, arrivaia lungu via Balbo finu a i Tozzi. La ghera una funtanella cu un pisciulinu d’acqua chi sciurtia. A fila era doppia, tantu di macchini ancora nun ghi nn’era. Tutti attrezzati di brocchi, brocchetti, stagnali, stagnalù e lammoni. Quarche d’una nell’attesa d’arrivà a u rubinettu, si facia puri una seri di curuncini. Altri inneci, “strada facendo” tagliaini e cusgiani subra una qualche malcapitata vicina di casa. Si faciani l’ori tardi, aspittendi di riempì u stagnalù, e quandu turnai in casa, duvii giustificà tutta l’assenza. In casa ghera pocu da truvà, un lavabo nunn’era cosa pe tutti, a maggior parte, s’era organizzata cu un treppiè, chi gavia annantu un lavamanu, un porta sciugamanu e suttu u postu pe una brocchetta di ferru smaltatu. I più raffinati erani quiddhi chi gaviani puri u specchiu, ma erini veramenti pochi. Si drummia in una stanza unica, babbu mamma e fiddholi, indrintu a i dui cumudini, abbassu, erani sistemati i catucci in terracotta cu u cuperchiu pe i più “ricchi” e di ferru smaltatu biancu, e senza cuperchiu pe i poari. In monda casi, nun ghera a reti fognaria, quindi a mattina allu sumbrettu e all’appiattu, ghera a prucissioni pe svutalli. A cucina era attrezzata cu dui fochi a carbonella, una apertura quadrata in bassu sirvia pe raccuglì a cinnara e pe suffià u focu cu u buffafocu. A carbonella si spunia indrintu a un troncu di piramidi di ferru, che in bassu era tuttu cu i bucareddhi. Da la calaia a cinnera e aizzaia l’aria pe brusgià u carbonu. U carbonu si cumpraia da Sergio, o da Basilide, e quandu lu duvii accattà, andaccii cu un secchiu di lamiera, si pudia vindì a pesu o a volumi. A taula da magnà era quasi sempri cu i gambi di legnu, e cu u pianu di marmu un solu cassettu undi indrintu erani spuniti furchetti, curteddhi e cucchiari, sirvia puri pe impastà a pasta e fa ravioli o tagliatelli. I cucini economiche a legna, so arrivati dopu, erini di lamiera smaltata bianca, cu i pedi di ghisa, provvisti puri di acqua carda cuntinua e scardavivande. Subra un pianu di ghisa fattu tuttu a cerchi concentrici che sirvia pe pulillu, la spunii a pignatta di terracotta pe cucinà. Funziunaia sia da cucina che da stufa, ma pe scardassi megliu ghera u brasgè, chi si spunia suttu a taula, e a nò zitedducci, cu i carzunezzi curti, ci sciurtiani i cardani. A spesa si facia da Giggiò in via Balbo, u latti si cumpraia sfusu in latteria Andaccii a cumprà u latti cu una buttiglia dedicata a quiddhu scopu oppuri cu a lattiera, che pe cuperchiu gavia un piattu spunitu subra. Quiddhi chi lu vindiani, gaviani paura d’una sola perzona, u vigile annonario, quistu allu sumbrettu arrivaia in divisa, lu cunniscii subitu perché suttu a u bracciu sarratu, tinia una scatula nera lunga, indrintu tinia u densimetru, intraia in latteria e senza tanti a e ba, ghi dicia: “Controllo!” Apria a scatula e tiraia fora u so strumentu, era di vedru, lunghu, cu una scala indrintu, e dei piumbini in bassu. Scuperchiaia u cuntenitori d’u latti e l’inziffaia indrintu. Controllaia se affundaia o galligghiaia, e se nun rietraia in certi misuri, ghi dicia che u latti duvia essi lampatu. Quistu vulia di chi u latti era statu “battizzatu” allungatu cu l’acqua pe fa a cresta subra u vindutu. A voci si spaghia subbittu, e allora arrivaiani i spettatori, a malcapitata, aiutata da quarche so ammica, pigliaia u lammonu d’u latti e lu svutaia un’da cunetta fora in strada. Era u mumentu magicu, un arrivu di piccioni atterraia lungu a cunetta e iniziaia a bissi u latti annacquatu. L’ogliu lu cumpraimi da Giggiò, ghera un lammonu verdi in artu, cu tre scritti (Olio d’oliva, Olio di semi, Olio di sansa) gherani puri tre livelli pe vidè quantu ghinn’era rimastu, andacciami cu una buttiglia, e ci la faciami impinà. A varecchina a stessa cosa, ancora una buttiglia, s’andaccia in via Garibaldi da …………… e la una signora che toscaneggiava, ci vindia a “creolina”, cu a raccomandazioni di non avvicinà a buttiglia a maglietta. L’acciughi rigorosamente al tacco (suttu sali) erani vinduti da Giggiò, chi li pigliaia da indrintu a una buttareddha di legnu, quandu lu cumprai ghi duvuii di sempre: “Scuzzuletili be ha dittu a me mamma!” sinnò ti pisaia più sali chi acciughi. I pelati, nun si cumpraini, perché ogni fammiddha e settembre si li facia in casa, mittendighi puri l’acidu salicilico chi si cumpraia da Paolinu Loriga era vindutu in bustini. U doppiu concetrato di pummata (quà l’usaia) lu cumprai sempri da Giggiò che ti lu spalmaia subra un fogliu di carta oleata pigliendilu da indrindu a una buatta di latta. Puri a farina castagnina òa vindiani indruntu a un pacchitteddhu, poi ghi facii un bucu murzichendi a carta e ti la magnai. U pani nun si lampaia mai (era grazia di Dio e se disgraziatamenti ti cascaia in tarra, primma di spunillu subra a taula, lu duvii basgià) e quiddhu chi avvanzaia, vinia grattuggiatu cu a grattuggia d’u casgiu e sirvia pe impanà. Detersivi? Tide e Vel so arrivati dopu, prima si faciani in casa cu a liscia, e s’usaia puri u saoni di Mersiglia, che si cusummaia pe intregu. Nemmancu i giornali si ghittaini, sirviani pe imbulicà i pesci o pe un’altru mutivu. M’ammentu di unu che lu vidiu tagliendi i giornali a pezzi, cu u curteddhu, una precisioni da certosinu, poi l’ammazzittaia tutti… .
Morale? Si ghe una morale è che di rumenza allora si ni producia pocu o nuddha, a maggior parti era utilizzata o cume cuncimi nell’ortu o pe i gaddhini, si lamapaia pocu e nuddha e di tutta quista brastica nun ghi’nnera. Quindi a curpa è solu noscia di avè accittatu tuttu quistu progressu.
Qualche antico ricordo, che spero piaccia. (buona lettura)

Nico Rivano

Un pensiero riguardo “Eh… ehh…. ehhhhkologia

  • 19 Maggio 2019 in 12:57
    Permalink

    Bellissimo,era proprio così ,mi ricordo tutto,è poi in dialetto,una meraviglia bravissimo.

I commenti sono chiusi