Francesco Ornano

Figlio di Giovanni Battista e Maria Francesca Zicavo, era imbarcato, forse addirittura volontario, sul felucone “San Gavino” quando questo prese il mare per andar contro una galeotta tunisina che veleggiava nei pressi della costa maddalenina; questa fu sconfitta e catturata, ma Francesco, ferito gravemente, mori qualche giorno dopo lo scontro, il 4 novembre 1774. E’ il primo maddalenino a morire al servizio della “nuova” patria.

Fu sepolto a Cala Chiesa. Nei registri parrocchiali si annota che Francesco mori senza i sacramenti per morte violenta e sospetto di peste, cosa spiegabile visto il diretto contatto con i barbareschi. Era, infatti, precauzione indispensabile tenere in contumacia chiunque avesse avuto rapporti con i Turchi. Tale usanza durò almeno fino al 1833, anno in cui vi fu sepolto il marinaio Giacomo Tomasi di Capri che era stato ucciso sull’opposta sponda di Porto Pozzo ove era sceso da una barca corallina toscana diretta in Barberia.

Nel 1896, con delibera N. 660 del Consiglio Comunale, i concittadini gli intestarono una via, l’attuale via Don Minzoni.