La Maddalena


Vai ai contenuti

Menu principale:


Squarciò

Personaggi

Chi è Squarciò? Franco Solinas lo presenta in questo modo: Quando sua madre era già morta, Squarciò cucinava una enorme fetta di filetto, e aspettava il medico per le iniezioni. Il medico venne e disse che sua madre era morta da almeno dieci ore. Squarciò dovette mangiarsi lui tutta quella carne, e riportò le iniezioni al farmacista. Cosi iniziò la sua storia di bombardiere. Non è un mestiere giusto, ma è comunque un mestiere: e, a differenza di tutti gli altri, mostra subito a chi lo sceglie di quale tipo saranno i suoi rapporti e come può andare a finire.

Squarciò è un romanzo brevissimo, meno di 100 pagine, piuttosto duro, ma vero.
E' un documento di un periodo storico, economico e sociale particolarmente difficile per l'Italia. Siamo al primo boom economico, dopo gli anni di guerra, che però non riesce a toccare tutte le zone della penisola.

La storia parla di Squarciò, un bombardiere; cioè un pescatore che, invece di pescare con le reti, usava le bombe (ovviamente metodo illegale). E' una storia vera, Solinas dice di aver conosciuto realmente questa persona.

Il romanzo parla anche della terra del bombardiere, una delle più povere della Sardegna: l'Arcipelago di La Maddalena, tra la Sardegna e la Corsica. In questa zona, l'unica possibilità economica e di sopravvivenza è costituita dalla pesca.

Purtroppo in questo lavoro bisogna spesso fare i conti con la natura, bella, ma a volte ostile e feroce.

Quando Squarciò è ancora ragazzo, la sua famiglia cade in rovina, a causa di una tempesta che ha squarciato le reti da pesca del padre. Questi è vecchio e muore prima di avere la possibilità di ricomprare le reti. I fratelli del ragazzo partono lontano, per trovare lavoro e vivere tranquilli.

Squarciò invece resta, per stare con la madre anziana. Continua a pescare, ma non come faceva il padre: inizia a usare le bombe. E' un modo illegale di pescare che non lo fa vedere di buon occhio agli altri pescatori, a cominciare dal vecchio Spagnolo, e che gli mette contro la guardia di finanza.

Questo metodo, però, lo aiuta a sistemare la sua vita, gli fa ottenere una sicurezza economica e gli permette di sposare Rosetta, con la quale avrà quattro figli: Diana, Antonino, Bore e Angelo.

Ma la natura è cattiva, si riprende spesso ciò che dà.

Home Page | Città | Arcipelago | Maddalena | Caprera | Spargi | Budelli | Santa Maria | Razzoli | Santo Stefano | Parco Nazionale | Natura isolana | Cultura isulana | Lingua isulana | Musica isulana | Poesia isulana | Turismo | Ospitalità | Mangiare e bere | Nautica | Noleggio | Immobiliare | Lifestyle | Itinerari | Escursioni | Diving isolani | Beni culturali | Sagre isolane | Eventi isolani | Musei isolani | Fortezze | Chiese isolane | Settecento | Ottocento | Novecento | Duemila | Isolanità | Storia isolana | Curiosità isolane | Com'era l'isola | Meteo dall'isola | Amici isolani | Maddalenini | Personaggi | Eroi isolani | Studiosi isolani | Politici isolani | Famiglie isolane | Visitatori | Ricordi isolani | Libri e ricerche | Futuro isolano | Inediti isolani | Granito e cave | Ex Arsenale | Guerra | Speciali isolani | Racconti isolani | Maddalena Antica | Garibaldi | Maggior Leggero | Lia Origoni | Gianmaria Volonté | Franco Solinas | Domenico Millelire | Tomaso Zonza | Angelo Tarantini | Horatio Nelson | Benito Mussolini | Cinema | Teatro | Cerca nel sito | News | Video | Mappa del sito


Menu di sezione:


Torna ai contenuti | Torna al menu