U entu longu

“U ‘entu longu si sprafunda supra a l’isuli da punenti. I scoddhi so sbuzzati a filu di pioda cume facci d’indiani cancarati, sempri aspittendi l’urtima prighiera, primma chi si scatinessi l’urtima battaglia. U ‘entu longu s’infizza, rutulendi cum’una tamburlana, supra i scoddhi pinzuti, supra i tegghj, indrintìi perchj, s’inviloppa, s’invurtuligghja e a l’urtimu scioppa un de tavvoni cumi u biddhiccu du dialu, chi si crepa in corpu!

Traduzione:

Il vento lungo aggredisce le isole da ponente. Gli scogli vengono scolpiti seguendo il filo del granito,come se fossero facce immobili di indiani,in attesa dell’ultima preghiera,prima dell’ultimo assalto. Il vento lungo si insinua, ruzzolando come una botte sugli scogli appuntiti,sulle lastre di granito,dentro le fenditure,si imbozzola, poi si aggomitola ancora e alla fine esplode negli anfratti, come l’ombelico del diavolo, che salta in aria con tutte le sue viscere”.

Giancarlo Tusceri