Il faro di Punta Filetto

Il faro, costruito nel 1913, una volta era una casa rossa, mentre oggi l’edificio è di colore bianco e completamente in abbandono, anche se la sua luce è ancora attiva grazie ad un meccanismo automatico. Nel passato c’era un fanalista che ne assicurava il funzionamento, spesso in compagnia di moglie e figli.
Così avvenne che a Punta Filetto vivessero tredici bambini. Arrivò anche il maestro e divenne la sede scolastica più settentrionale di tutta la Sardegna: l’ultimo faro di luce spirituale che si affacciava a poche miglia dalla Corsica. Scriveva un alunno: «La nostra aula è una stanza del faro, è esposta a tramontana e ci batte forte il vento». Nel 1969 l’edificio fu dichiarato inagibile ed abbandonato. Vedi anche: Itinerario: Il faro di Punta Filetto