Giorgio Des Geneys, un Barone Patrono

… Io son di parere che l’indolenza da cui naturalmente sono dominati (quali abitanti) sia la vera ragione della miseria in cui si trovano, mentre se non fosse così potrebbero dedicarsi alla pesca del corallo, che permettono venga fatta da esteri anche nei mari dell’isola; si potrebbero impiegare nelle tonnare e specialmente nelle saline, trarre partito dalla pesca del pesce per lo smercio dell’Isola, ed infine, procacciarsi in altri modi i mezzi di sussistenza, invece di starsene oziosi, e lasciarsi anche che i loro bastimenti vengano scacciati dai condannati o dai soldati, vedendosi disonorati di esercitare altro mestiere che quello del marinara esclusivamente. Queste sono le riflessioni che in tutta coscienza debbo farle presente, e che si dovrebbero insinuare negli abitanti di codesta isola, stando a cuore il loro benessere e prosperità. Dal canto mio state certi che proverò sempre una grande soddisfazione, ogni qualvolta potrò contribuire al vantaggio di codesta isola. Colgo intanto l ‘opportunità per inviare alle vostre signorie illustratissime, espressioni della perfetta mia stima“.

Firmato l’Ammiraglio Comandante in Capo della Regia Marina Giorgio Des Geneys.

Siamo nell’ottobre del 1831.

Il barone, o «u barò», per quelli di Cala Gavetta che neppure conoscevano la portata di questo titolo. aveva lasciato definitivamente l’isola già da diversi anni. Aveva ricostruito la flotta del Regno Sardo-Piemontese, aveva allevato una intera generazione di intrepidi comandanti, che per molti anni costituiranno i quadri della Regia Marina, aveva raccolto meriti e onori dappertutto. soprattutto combattendo contro i legni barbareschi, ma non aveva ancóra potuto dimenticare quell’isola di personaggi straordinari, dove, in casi di effettiva emergenza si sprecavano gli atti di indescrivibile eroismo, ma dove, in tempo di pace e di relativo benessere, era possibile registrare cialtronate altrettanto incredibili. Nobili si nasce, indubbiamente. considerava il Barone, ma signori si diventa. Dimenticava di valutare, però, l’Ammiraglio, che l’unica scuola che quegli ardimentosi avevano da sempre frequentato, era quella di Cala Gavetta e la sua talvolta spietata legge dell’arrangiarsi per sopravvivere. È il caso di dire che gli isolani che approdavano al rango di Ufficiali nella ricostituita Regia Marina, venivano a tutti gli effetti, sempre e soltanto. e alla lettera quindi, dalla “Gavetta”.

Quell’isola e quegli isolani imprevedibili, comunque, erano stati la sua fortuna nel 1799, quando la Casa Sabauda, persi gli ultimi territori sul continente, ad opera della Francia, era stata costretta a riparare col resto della misera flotta in Sardegna e principalmente a La Maddalena.

I maddalenini avevano ospitato con entusiasmo ciò che restava della flotta; avevano collaborato alla manutenzione dell’esistente e alla ricostruzione di ciò che era andato perduto; avevano offerto equipaggi di provata esperienza, galvanizzati dal successo del ’93 contro i franco-corsi; avevano ricoperto anche l’80% degli interi organici, arrivando ad esprimere comandanti come gli Albini, Millelire, Zonza e Zicavo.

Ma vediamola in dettaglio questa piccola flotta che stazionava tra il 1799 ed il 1815. tra la rada di Mezzo Schifo, Villa Marina, Stagnali e Cala Gavetta, dove sorgeva il Comando della Regia Marina (o Ammiragliato). là dove adesso alloggia la Guardia di Finanza. Sempre su Cala Gavetta e proprio a sormontare l’Ammiragliato, sorgeva il palazzo dove si ritiene abbia abitato il Barone Des Geneys. Non a caso la storica piazza «Barò» è nata dove è nata.

La nave Ammiraglia era una Galera acquistata presso il governo inglese, ribattezzata “Santa Teresa”, armata con 8 cannoni, due obici, 6 spingarde, al comando ovviamente del Barone Giorgio Des Geneys. Questa splendida nave, voluta per stroncare il contrabbando nelle Bocche e per fungere da deterrente contro i barbareschi, aveva però il grave handicap dell’eccessivo pescaggio, che la rendeva in pratica inutilizzabile nel pattugliamento interno dell’arcipelago. C’erano poi le Mezze Galere “Beata Margherita” e “Santa Barbara”. ormai molto vecchie e ben presto sostituite dal “Falco” e dall’“Aquila” comandate da Gaetano de May e Vittorio Porcile, con 5 cannoni e 6 spingarde entrambe. In aggiunta il Des Geneys volle la Galeotta “Bella Genovese” al comando del cav. Gavino Cugia, con 3 cannoni e 2 spingarde. venivano poi i lancioni “Sant’Efisio” e “Benvenuto”, con un cannone e 2 spingarde, rispettivamente sotto Zonza e Angioi. Il “Sant’Efisio”, era quello che aveva messo in fuga la fregata francese “Fauvette” del Colonna-Cesari e del Buonaparte il 25 febbraio del ’93.

Angioi comandava anche la gondola “Carolina” che aveva lo stesso armamento del lancione; vi erano poi il brigantino quadro “Carloforte” del cav. Mameli, il brigantino latino “San Vittorio” predato ai francesi, lo sciabecco “Genovese” di Luigi Mameli: queste ultime unità erano armate di 2 cannoni da 24 pollici. 2 da 16 e 6 carronate ciascuna. Le unità più piccole erano la Tartana “Tirsi” di Giuseppe Albini e la “Speronara” di Guarnieri, la prima armata con 8 cannoni di diverso calibro e la seconda con 4 carronate. ln tutto la ricostituita flotta disponeva di 126 bocche da fuoco. Ben poca cosa se si considera che nel 1786 a Castellamare di Stabia era stato varato il vascello “Partenope” con 74 bocche da fuoco, per il vanto della Marina Borbonica.

I maddalenini avevano consentito di animare con entusiasmo queste navi, permettendo così il coronamento del sogno del Barone, di rilanciare un sistema difensivo per mare, tonificando in tal modo anche il suo grado di Comandante in Capo della Regia Marina.

Ora però quegli indigeni stavano diventando la sua persecuzione. In fondo, peccati da piangere e colpe da espiare, almeno ai loro occhi, il Des Geneys non ne aveva. Tutt’altro …. Quando aveva potuto, aveva elargito loro, pur da tanto lontano, tutto quello che poteva. Ma ora forse era giunto il momento di dire basta. La pazienza ha un limite e l’eccessiva bontà, spesso, caratterizza il medico inetto, non quello preparato a cui sta effettivamente a cuore la salute dei propri pazienti.

E che per il Barone i maddalenini, in certi frangenti, fossero quasi dei pazienti, non v’è dubbio. A lui ricorrevano per chiedere le cose più impensate. Erano diventati in poco più di venti anni una comunità di oltre duemila anime, con problemi di crescita ragguardevoli e con esigenze scatenate dal benessere conosciuto, orbitando attorno alla Regia Marina.

Una volta che la flotta era ripartita e con essa anche ima cospicua quota di Ufficiali, è ovvio che denaro all’isola non ne scorresse più in abbondanza. Fatto il palato, però, a certo vivere economicamente sereno, continuavano a supplicare – talvolta senza eccessiva dignità – un occhio di riguardo nell’applicazione delle regie gabelle, pretendendo di salvaguardare una posizione di privilegio, nei confronti di tutti gli altri sudditi del Regno.

La supplica, per loro, era diventata una specie di mestiere; supplicavano per tutto: per la libertà di condannati alle patrie galere, che in cambio avevano promesso di versare un obolo alla parrocchia (febbraio 1816, caso Andrea De Andreis, pluricondannato per atti di pirateria, evasioni e assassini, maddalenino), per evadere del tutto le gabelle doganali (supplica del 21 marzo 1827, firmata dal sindaco Ferracciolo, da Simone Ornano, Antonio Pittaluga e Antonio Tartaull consiglieri); per evitare di versare all’erario una tassa in cambio della licenza per macellare il bestiame (supplica di Simone Sirena, delegato della Consulta Comunitativa, del Maggio 1806); per non assoggettarsi a pagare la tassa per la licenza di barcaiolo con cui trasportare passeggeri, carni macellate, pesci e merci varie (lettera dell’ottobre 1828); e poi ci sono le richieste di denaro per i bisognosi, per la costruzione della Chiesa, di travi e di un altare, per lo stesso scopo; di due Mezze Galere anziché di una sola (dopo il trasferimento della flotta) per poter meglio lucrare, più che per effettiva necessità di difesa (risposta del marzo 1816, da Genova, del Des Geneys al Consiglio Comunitativo).

ln questa circostanza, il Barone, che certo di isolani se ne intendeva, scrive: “non è fattibile che si possano destinare due Mezze Galere al solo oggetto di difendere La Maddalena. Le SS. LL. III. me, dal canto loro, non debbono mancare di sollecitare presso S.A. Reale, l ‘Augusto Vicerè e di procurare d ‘incoraggiare codesta brava popolazione a non rallentare il suo cognito zelo e valore, e dissuadere quelli che fossero nell’intenzione di abbandonare I ‘isola’, poiché giova anche sperare – udite quanta lungimiranza – che non passerà gran tempo che potranno vivere sicuri e tranquilli, o per mezzo di una Marina protettrice, per cui già si stava lavorando in questo arsenale, o per altro mezzo egualmente efficace”.

Dunque, quest’Ammiraglio a cui i maddalenini tanto dovevano, se proprio padre-padrone non era, padre e patrono era stato eletto all’unanimità, visto che per ogni contrarietà ci si invocava a lui, più che a Santa Maria Maddalena o alla Santissima Trinità.

Ma chi erano gli isolani di quel tempo?

Vediamo di identificarli con l’ausilio degli atti di archivio.

Le famiglie, almeno le più numerose, sono all’epoca (1830/ 1840) quelle stesse di oggi: Bargone, Coliolo, Columbano. Casanova, Coppa, Conte, Comiti, Chiodo, Cuneo, Ferracciolo. Fabbio, Fava, Lena, Maestrale, Millelire, Morelli, Moriani, Migliaccio, Malberti, Morasso, Ornano, Peretti, Pittaluga, Polverini, Rubiani, Semidei, Sini, Susini, Rotta, Sabattini, Serra, Raffo, Scano. Satta, Scotto, Tanca. Tartaull, Volpe, Viggiani, Varsi, Vellutini. Zonza, Zicavo.

Ma c’erano pure famiglie presto scomparse, forse perché trasferitesi al seguito della flotta. non accettando l’invito del Des Geneys di stringere i denti e di non mollare: Girardengo, Marcigà, Perald, Ducheron, Capello, Buzzo, Gallone, Depietri, Ginocchio, Carnevale, Vela, ecc..

In tutto 1638 abitanti. più 401 naviganti ed emigranti. divisi in 464 famiglie, con una media di 5 persone a nucleo familiare, 42 cittadini risultavano invalidi, 50 erano vedove di pensionati di invalidi militari, 49 vedove di altri, 78 addetti ai servizi vari, 10 aggregati alle Regie Gabelle; 4 famiglie risiedevano a Caprera, con 25 consanguinei, 3 a Spargi, con 17 familiari, 2 a Santa Maria con 12. A questi andava aggiunto il Vicario Addis con tre persone a carico e il viceparroco Mamia, con 2.

Il grosso delle abitazioni era concentrato attorno a Cala Gavetta, dal Fortino Balbiano (u Furtinu), lungo la Quarantena, la Sanità, piazza Barò (Des Geneys), lo Spiniccio, gli Ulivi (attuale via Agostino Millelire), i Castelletti, tra via Cairoli e la scalinata che da Cala Gavetta porta oggi in piazza Cavour, via Vittorio Emanuele, via della Processione, con i rimanenti «carrugghj» a ponente della Chiesa parrocchiale, piazza XXIII febbraio, via XX settembre, vicolo Garitta, e palazzo Roberts, dove oggi c’è il Banco di Sardegna, con le prime propaggini di un lungomare commerciale, ancóra appena abbozzato.

Da un “pògghju” (la piazzetta di quartiere) all’altro, imperavano gli «strau››, i soprannomi che, ad imitazione di quelli scelti al momento della ferma di leva nella Regia Marina, spesso soppiantavano il vero cognome.

Cosi, tra il faceto e il serioso, si erano affermati i gloriosi soprannomi di guerra seguenti: Tripolino, Belvedere, Amoroso, Papaciu (con variante in Babaciu), La Fleur, Parrocchiano, Turno, Fioravanti, Zambiccara, Rospo, Palamede, Zebú, Casale, Zenoglio, Violetta, Mambrino, Cloro, Zampiano, giusto per citarne alcuni.

Per queste cose, d’altra parte, i maddalenini erano famosi.

Riuscivano a caratterizzare e a ridicolizzare talvolta un personaggio, quanto, se non meglio, del ben più antico centro catalano di Alghero. In più, gli indigeni dell’epoca erano capaci altre “invenzioni” per alcuni spassose, per altri di dubbio gusto, in danno dei più deboli, dei cosiddetti “scarti di governo”, in quanto inabili al servizio di leva, e delle vedove che osavano contrarre nuovo matrimonio.

Queste “invenzioni” dovevano essere così frequenti e spinte, da costringere negli anni ’40 il Comandante dell’isola Bixio a segnalare ai propri superiori di governo quanto segue:

Onde reprimere le scandalose scene, che voglionsi rinnovare di frequente, nel paese, in occasione di matrimoni dei vedovi e delle vedove, le quali possono apportare un giorno o l’altro dei grandi disordini, ed essendo queste, in opposizione ai veggenti regolamenti di polizia, ho divisato di ricorrere a S.E. che di quanto Regno, acciò coll’alta Sua autorità emani degli ordini rigorosi a simile proposito. Egli è perciò che io prego le SS. LL. III. me a volermi rilasciare un certificato comprendente la loro disapprovazione per cotali ridicole scene, che possono compromettere la quiete che, grazie a Dio, si gode in questa Popolazione“.

Non avendo altro evidentemente da fare, i caporioni, gli scapoli impenitenti, ragazzacci dei vari quartieri, aspettavano il matrimonio delle vedove (ben 99 tra pensionati della Marina e non, su 464 capifamiglia, ricordiamo, secondo le statistiche degli anni ’30/40) per scatenare le loro frustrazioni e i loro «tabù››, con scherzi pesanti e talvolta atroci a sfondo sessuale, che certo non potevano lasciare indisturbato lo sposo, la sposa stessa e i rispettivi parenti.

Gli isolani d’altra parte erano scanzonati e disincantati anche verso la stessa realtà militare, che serviva finché serviva e perché serviva, poi era soltanto una mucca da mungere.

E ciò amareggiava il Barone Des Geneys, che non riusciva a comprendere come questi indigeni né corsi, né sardi, né genovesi, né napoletani (e forse tutte queste cose assieme) riuscissero a diventare, volendolo, un popolo di insuperabili eroi, e poi, improvvisamente, un popolo di mediocri peones, che irrompono da tutte le parti, con simboli fallici e tenute oscene, a molestare i matrimoni delle vedove, senza la minima dignità o senso della misura.

Più seri, se mai, diventavano gli isolani, quando qualcuno minacciava di legar loro le mani, tassando le loro barche, per i traffici, ed esercitando un eccessivo controllo sui carichi. “Dette barchette – scrivevano al loro Patrono – sono di assoluta necessità, più che i cavalli e le vetture in Sardegna; l’isola, senza di quelle, non può esser provvista degli articoli necessari all’umana sussistenza”. E se per evitare le gabelle sulle licenze per condurre dette barche, gli isolani dovevano ricorrere alla supplica o alla raccomandazione del tormentato Barone, lo facevano senza pensarci su due volte.

Supplicano – scrivevano – voglia I’E. V. degnarsi per tratto di sua solita umanità e paterna clemenza, prendere in benigna considerazione I ‘esposto e commiserandosi della lugubre e lagrimevole situazione di essa popolazione, lasciare, in sollievo della medesima, gli ordini opportuni sul proposito di venir dette barchette, non molestate nel pagamento di tali nuovi diritti di carte di bordo e licenze“.

Ma quali erano le barchette in questione?

Dai registri del Comandante del Porto del 1807 e successivi, Fino al 1812, si evince che il movimento, in porto era indubbiamente di tutto rispetto. Citiamo di seguito i nomi delle imbarcazioni più ricorrenti: gondola “Sant’Antonio” del capitano Giuseppe Filippini, corso; gondoletta “La Vergine del Carmine” di Domenico Panzano, corso; sciabecco “Sant’Efisio” di Vincenzo Passalacqua, isolano; brigantino “Santa Maria di Porto Salvo” di Francesco Zonza, isolano; feluca “Provvidenza” di Angelo Torre Romano di Piombino; gondola “San Giuseppe” di Domenico Susini di Livorno; tartana “San Francesco” di Antonio Gelobert, spagnolo; feluca “Sant’Erasmo” di Simone Sisco. corso; brigantino “La Concezione” di Giuseppe Marengo, francese; lentello “Gesù, Maria e Giuseppe” di Nicolò De Giorgi, sardo; lento “La Madonna di Monte Nero” di Giuseppe Lami. toscano; pinco “La Madonna del Rosario” di Antonio Migone, francese; feluca “L’Incoronata” di Nicolò Scotto, napoletano; brik “ll Tentativo” di Gio Batta Caviglia. corsale inglese; gondola “La Madonna di Monte Allegro” di Antonio Bontà, francese; il bovo “Falibrestier” di Vincenzo Palomba, corsale inglese; barcella “Annunziata” di Giò Antò Cuneo, francese; sciabica “Felicità” di Emanuelle Esterico, corsale inglese; paranzella “La Regina del Paradiso” di Filippo Moriani, sardo; e poi un’altra cinquantina di imbarcazioni che compaiono saltuariamente e per commerci minori.

Il commercio per cui si chiedeva di evadere i diritti doganali, infatti, erano piuttosto cospicui e riguardavano ogni tipo di mercanzia.

Prendiamo in esame il carico di un bastimento tipo, registrato in nota dal Comandante del Porto col numero 21 del 7 novembre 1812. sdoganato da Domenico Stabili, e relativo a merci introdotte da Malta, col capitano Andrea Pace. inglese; questa l’analisi del carico alla dogana: “8 casse, con 2 colli di fazzoletti assortiti di Carnbrich, Mussolina, Fasson, Madras a colori blu, 420 dozzine; 2 pacchi con 6 dozzine di fazzoletti a scialli; 1 cassa con 30 dozzine di calze di cotone; 1 cassa con 20 robbe Mussoline per vestiti; 1 cassa con 12 pezze Mussoline assortite: 3 colli ed un baule con pezze indiane di n. 180; 2 pezze di pelone rinforzato (orbace) palmi 120; 1 cassa di sapone.

Ma a dimostrazione che non si disdegnava all’isola neppure una certa classe, nonostante i chiari di luna, vi era pure chi introduceva (ed evidentemente vendeva) una cassa di bottiglie di acqua di colonia.

Per completare il quadro. possiamo aggiungere che, secondo le autorevoli fonti del Casalis, all’isola si vestiva già da allora «alla parigina», scimmiottando ciò che da Genova e da Torino portavano all’isola le mogli degli Ufficiali e i vascelli che battevano rotte internazionali, come il corsale inglese che approvvigionava la piazza con intere partite di abiti usati, prelevati da un grande emporio maltese.

Da quest’aria civettuola delle donne, soprattutto e dalle divise militari. oltre che dal carattere esuberante e persino guascone, deriverà alla città l’epiteto di “Piccola Parigi” con cui, forse non senza ironia, i visitatori dell’isola finiscono col bollare questa comunità.

Da questo studio sul Des Geneys, pertanto. scaturisce una documentata conferma della doppia personalità dei maddalenini: una votata alla morte per salvare, quando il pericolo incombe, i confini del Regno, illustrato dal motto del drappo di combattimento del 1793 “PER DIO E PER IL RE VINCERE O MORIRE”, l’altro, superficiale e cialtrone inquadrato nel motto del 1767, con cui il Garelli sostiene che venne salutata la truppa sardo-piemontese al momento dello sbarco in quest’isola: “VIVA CHI VINCE”.

In questo contrasto di sentimenti, da sempre, si gioca il futuro del maddalenino. E il Barone Patrono di questa non facile catalogazione dei propri marinai più efficienti, se ne faceva un cruccio. Sapeva, tuttavia, che non aveva nulla da temere da loro, perché nel momento del bisogno, nonostante di mugugno facile, i maddalenini non solo non uscivano dai ranghi, ma serravano le file, diventando – è proprio il caso di dire – più realisti del Re.

Nel 1816, per esempio, mentre i maddalenini sono in fermento per le ristrettezze finanziarie in cui si trovano costretti a vivere dopo il trasferimento della flotta a Villafranca, si teme qualche colpo di testa. La morte del Governatore dell’isola Agostino Millelire potrebbe rappresentare la stura per qualche forma di insurrezione, ora che il potere civile è nuovamente nelle mani del popolo. Ebbene, guardate come rinsaviscono di colpo i maddalenini: contattano il Comandante Militare, lo investono di pieni poteri, fino alla nomina da parte del Re, di un nuovo governatore, e incline scrivono al Des Geneys: “Eccellenza: essendo oggi passato a un ‘ora dopo il mezzogiorno, a miglior vita, il Comandante di questa Piazza, il sig. Agostino Millelire, ci facciamo un preciso dovere di renderla avvisata. Vedendo che questa piazza non potea stare senza una persona che ne facesse le veci del nostro defunto, abbiamo stimato opportuno che governasse il sig. Comandante Militare in questa Piazza acquartierato, Capitano Pantesìo, con cui ci siamo trasferiti a casa dove viveva il predetto Comandante, per sigillare le carte tutte che erano appartenenti al Servizio Regio, ed abbiamo annuito al medesimo che facesse le veci fino al nuovo ordine superiore, mentre non ci era altra persona che fosse superiore al suo grado. E con atti di vera ubbidienza, ed ossequioso rispetto, passiamo all’onore di riprotestarci del I’E. V. Il Consiglio Comunitativo”.

E cosa avrebbe potuto sperare di più, alla fine, un Comandante della Regia Marina, da un pugno di indigeni abbandonati a se stessi, tra Corsica e Sardegna? Pesantemente cialtroni si. questi maddalenini, ma nel momento del bisogno, che senso dell’onore, dell’ordine e del rispetto della superiore autorità…! E purtroppo, proprio questa dote, ha finito nei secoli, per condizionare pesantemente il futuro dei maddalenini, anche quando le condizioni storiche probabilmente imponevano prese di posizioni più energiche del solito.

ll Des Geneys però aveva previsto anche questo. E proprio per evitare questa pesante sudditanza psicologica e per elevare la dignità degli isolani, comunque suoi protetti, in un momento di grande tensione morale, proprio come un Patrono, li aveva incitati – lo abbiamo detto in apertura – a riconquistare il loro diritto ad andare liberamente per mare e a trarre i frutti di un onesto lavoro, in maniera da rendersi più autonomi dalla Regia Marina, e meno sottomessi con gli stessi condannati della Colonia Penale e addirittura con i soldati.

Padre e Padrone no, questo Barone, con i maddalenini, ma Patrono sempre presente e illuminato, senz’altro. E i maddalenini, forse per questo, non lo hanno mai dimenticato.

Gian Carlo Tusceri