Castagnaccio

Parzialmente tratto dal libro “Cucina isolana. Un arcipelago di sapori mediterranei” a cura di Giovanna Sotgiu e Antonio Frau – Paolo Sorba Editore – La Maddalena

Il castagnaccio è un tipico dolce autunnale a base di farina di castagne, pinoli, uvetta e rosmarino. Piatto povero di origine contadina essendo la castagna diffusa nelle campagne, poco costosa e nutriente. Le prime notizie di questo dolce risalgono al 1553 e pare sia stato ideato da un certo Pilade da Lucca, a partire dall’800 si arricchisce di uvetta e pinoli e si diffonde nel resto d’Italia.

È caratteristico delle zone appenniniche di Toscana, Liguria, Emilia e Piemonte e presente qualche differenza a seconda della zona.

Questo piatto presenta un risvolto curioso: si diceva che le foglioline di rosmarino usate nel castagnaccio fossero un filtro d’amore: il ragazzo che avesse mangiato il dolce offertogli da una fanciulla si sarebbe innamorato di lei e l’avrebbe sposata. Il castagnaccio può essere servito sia caldo che freddo, magari accompagnato da un bicchierino di vin santo.

La nostra ricetta, arrivata sull’isola molto probabilmente dalla vicina Corsica, prevede: 500 gr di farina di castagne (farina castagnina), 60 gr di pinoli, noci sgusciate, un rametto di rosmarino, 4 cucchiai di olio più uno per la teglia, 3 pizzichi di sale, acqua, buccia grattugiata d’arancia.

Setacciare la farina in una terrina, versare l’acqua un po’ alla volta e sciogliere con una frusta per evitare i grumi. Aggiungere il sale e la buccia d’arancia. Versare in una teglia di rame stagnato o di ferro o in tortiera antiaderente unta di olio. Spargervi sopra i pinoli, le noci tritate, gli aghi di rosmarino e aggiungere l’olio rimasto distribuendolo uniformemente con una spolverata di zucchero, per far venire la crosta del dolce screpolata.

Portare il forno a temperatura di 180° per 10/15 minuti. Infornare e cuocere per circa 40 minuti. Si può aggiungere all’impasto l’uva sultanina, precedentemente infarinata, dopo l’ammollo di qualche minuto in acqua tiepida.

“Cucina isolana. Un arcipelago di sapori mediterranei” a cura di Giovanna Sotgiu e Antonio Frau – Paolo Sorba Editore – La Maddalena