Zio Mario

M’ammentu d’a ziteddhu, di quandu d’estati andaccìu a I Colmi.
C’accumpagnaia una amica d’a me mamma, chi avia spusatu, pe rimanè subbittu veduva, unu, dei tanti, di quiddha numerosa e vecchia fammiddha d’una vorta.
Iddhi abitaiani in via De Amicis, propriu nell’incalata che da u stradoni di Guardia Vecchia, arriva a u palazzu dei Peretti.
Jenti bona e braa, jenti d’una vorta, chi sia facia in milli pezzi, se appena appena sintia l’adori d’aiutatti.
A Colmi abitaiani da una vita, erani arrivati i parenti, d’a Corsica, e s’erini sistemati propriu culà, in vista di quiddha tarra, oramai matrigna, ma sempri cu l’affettu e a divozioni chi si devi da, a una parzona chi t’ha crisciutu, pasciutu e smannatu.
Aviani cuminciatu culà a rimitissi in sestu, coltivendi un pezzareddhu di tarra, e ricavendini da quiddhu, ghiustu u necessariu pe pudè tirà avanti.
Poi pianu pianu risparmiendi subra a tuttu, tranni che subra u lavoru, aviani apertu una tratturia cu una bettula che sirvia pe smanna i surdati d’a batteria, s’erini organizzati, aiani acquistatu un pocareddhu di bestiami, circhendi di fasciassi megliu i rugnoni.
A fammiddha s’era poi ingrandita, una nidiata di fiddholi e fiddhole, tutti però cu a vocazioni pe a tarra.
Cu u risparmiu, s’aviani accattatu un bellu pezzu di tarra, arrivendi a confini cu Webber.
Poi andendi avanti e smannati i fiddholi e nipoti, quarchedunu avia circatu di truvà lavoru un d’o Statu.
Unu di quisti era propriu Mario.
Bravissimu cacciatori, cume pochi all’isula, tantu bravu e riconusciutu, che quandu arrivaia un armiragliu o quarche d’unu importanti, Mario, l’accumpagnaia a caccia di pernici, all’isula, oppuri in Gaddhura, pe i cinghiali.
Andacciami a i Colmi aizzendi a pedi, si passaia da u troncacoddhu di Via De Amicis, e pò pe fa primma d’a scorciatoia, lascendi a sinistra Villa Brooklyn e a destra a casa di Puggioni.
Una serie di scalinetti iniziali, che da ziteddhu li faciu cu dui zompi, un pocareddhu più subra, incucciai a sinistra Maurizio presu, guasi sempri a cardà a lana.
Poi t’aspittaia a surpresa, se truai u cancellu di Guardia Vecchia apertu, pudii, passà da la, e ghera puri a pussibilità di pudessi ripusà un pocareddhu.
A destra intrendi un d’o cancellu, ghera una pompa e… allora tutti a bi.
Diciani, quiddhi più grandi di noi, che l’acqua di quiddha pompa arrivaia direttamenti d’a Corsica.
Frisca ghiacciata quant’è setti.
A pompa era una costruzioni interamenti isulana, d’a Ditta Mordini, undi da ziteddhaccio puri u me babbu gavia lavuratu.
(A cancellu chiusu) duvii allungatti, fenditi muru muru tutta a strada e passendi da fora a zona militari di Guardia Vecchia.
Attraversaimi a zona militari sinu a arrivà a Li Marconi, che si trovani a destra, sciurtendi e andendi verzu i Colmi.
Li Marconi, diciani i vecchi, che pigliaia u nommi da Guglielo Marconi, che propriù culà avia iniziatu i so primmi sperimenti di radiu, senza fili, cu a dirimpettaia Caprèra a Beccu di Vela.
Da Li Marconi era un continuo sbracciulassi di saluti, tra noi, e quiddhi chi erani ghià a i Colmi aspittendici.
Franco, Rino, e i so genitori, salutaini a noi cu bracci e mandilli, e nò faciami lu stessu.
Arrivati in casa, dopu i soliti presentazioni e i ripetuti cumi steti, era d’obbligu magnassi una bella tazzona di migiuratu, cumi era bonu quiddhu migiuratu e cumi era duru, chi paria turronu.
Si g’azziccai a cucchiara a u centru, rimania in pedi.
Zio Mario e zia Maria (che nunn’erani parenti, ma solamenti amici di fammiddha di vecchia data cunnusciuti indrintu a u casermaggiu di Aiassa, ghiè li chiammaiu zii, “acquisiti” sigundu una vecchia tradizioni gaddhuresa) gaviani a casa puri la, e ghiè andacciu subbitu in casa di iddhi, in cumpagnia di Franco e Rino.
Ma ghiè eru ghià smaniendi, tutta quiddha strada, fatta in salita, tutti quiddhi spuntoni di granitu schivati alla menu pegghiu erani stati fatti pe una cosa solu, dopu, (guasi subitu) ghera u mari! E addacciaumi a lu sumbrettu a bassu a Cala d’infernu.
A spiaggia, dopu una incalata ripida a rischiu di talorchi, tra fraschi e aiacci, arti quantu e setti, (arburi secolari chi in certi zoni abbugghiaiani u camminu), era tutta noscia, ghiustu u tempu, pe pudè digerì u migiuratu, e poi “capuzzati zi Niculà”, era quiddhu l’ordini pe pudè fa, tutti inzemmi u bagnu, e chi bagnu.
Verzu un’ora, passatu mezziornu, turnaimi in casa, ghiè cu una biccazzina incarcata in capu pe apparammi da u soli iniziaiu a mala gana a salì pe turnà a i Colmi, la magnaimi tutti inzemmi, c’aspittaia u bazzì caricu di pasta a u sugu e un ranciu grandi i ziteddhi a parti pe nun sintì i discurzi dei grandi, ma qua li stagghia a sintì?
Presi d’a fammi cumi erami pe u bagnu.
Poi sempri cu a solita scusa d’a mamma d’u soli, ci mittiani a drummì, ma qua chiudia l’occhi? Ogni ombra, ogni rumori erani l’occasioni bona pe pudè sta svegli.
Puri u tarlu chi ruzzicaia i travi d’aiacciu, (e ghiè cumi un maccu, parlendi cu u tarlu, ghi diciu: “Ghià ghi n’hai asgiu d’arruzzicà”) messi la pe tinì i teguli, era l’occasioni bona pe nun drummì.
Di pomeriggiu, prima di turnaccini in casa, zio Mario, mi dicia di daghi una manu a fa i cartucci.
Per me era l’ennesimu scasciu.
Iddhu s’era attrezzatu di tuttu, gavia i misurini d’ottoni, che sirviani pe calibrà a purvara un d’e i cartucci, livaia u fundellu sparatu da i vecchi, e ghi ni mittia unu novu, poi racaricaia di purvava a cartuccia, si nun ricordu mali, tre misurini a cartuccia pe i piumbini e cinqui pe i pallettoni.
U me compitu (ma ghiè eru la frigghi i pesci e guarda a gatta, circhendi di rubaghi i mistieri) era quiddhu di priparàghi i borri.
D’ogna corpu annanta i diti, e zio Mario mi dicia: “mistieri chi entra” e ridia.
Mi daccia scatuli vecchi di cartonu (quiddhi dei scarpi pe capicci) una fustella e u marteddhu.
E ghiè duviu faghi dei dischetti.
L’operazioni pe falla curta era: tuglì u fundellu d’a cartuccia sparata, rimittighi u fundellu nou, poi misurà a purvara cu un misurinu (cilindrettu d’ottonu) e mittì d’a parti i cartucci, pe nun sbagliassi.
Cu un pezzu di legnu cilindricu, daghi una liggera prissata a purvara, e mittighi a borra, dappoi “pisà” i piumbini cu un misurinu d’ottonu e inziffaghili indrintu, oppuri cuntà i pallettoni e mittighili indrintu.
Fattu quistu, ghi si pudia mitti ancora una borra ma quista duvia essi missa cu a parti bianca d’u cartonu, verzu l’artu, chi dopu ghi duvia scrivì subra u tipu di cartuccia.
Fatti tutti quisti operazioni, si passaia a cartuccia in una macchinetta (sfrangiatore) che arricciaia u cartonu d’a cartuccia, tutt’intornu a u cartonu dell’urtima borra.
E a cartuccia era fatta, pronta pe fa u so sirviziu.
Quistu geniri di lavoru si pudia fa solu subra i vecchi cartucci di cartonu, chi si pudiani utilizzà più vorti.
a vorti, passendi un d’e i campagni d’a Sardegna, mi capita di vidè in tarra centinaia di cartucci sparati, tutti di brastica, mi veni da pignì, pinzendi a quantu l’ommu è distruggendi quistu pianeta. E si reputanu puri ecologisti, ma a bordu a undi? Semmu nati in un paradisu terrestri, e l’emmu accumudatu a cessu.
Altri jorni, quandu ghera pocu tempu e poca gana (da parti dei grandi di calà abbassu a l’infenu), zio Mario mi purtaia in batteria a I Colmi, a fa piumbini.
Ghera la, una torretta in artu e un secchiu pienu d’acqua in tarra, da a quali faciani culà indrintu a un pezzu di grondaia di ferru zingatu (pianu pianu) u piumbu fusu e calendi u piumbu facia una “sfera” più di unu sciurtia prima di raffriddassi a forma di guttigghiu, cu a punta, ma li usani puri quiddhi, senza problemi. A gronda era tinuta carda da una lampada a binzina alligata alla bella megliu, suttu.
Poi so arrivati i cartucci di brastica, e da allora hanni smissu di fabbricassi i cartucci.
Certi vorti, arrivaia Annina una dei tanti di quiddha meravigliosa fammiddha, cu una gerla di cocciu smaltata, e indrintu a gerla ghera u meli, quiddhu dell’api, cu tutta a cera, un pezzu a tutti, altru che ciulinga era.
Bei tempi.

Foto copertina di Fabio Presutti

Nico Rivano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.