Correva l’anno 1993

2 gennaio

Finisce la pacchia dell’acqua gratis o quasi. Negli ultimi giorni sono arrivate nelle case dei maddalenini le bollette a consumo forfettario, di gran lunga più alte di quelle sino ad allora pagate. Lo Stato, impegnato nel risanamento dei conti pubblici, impone che i Comuni coprano buona parte delle spese idriche.

10 marzo

Il deputato Pietro Soddu è nominato commissario regionale della DC per preparare il passaggio al nuovo Partito Popolare.

17 aprile

Ribellione dei sindaci galluresi contro la legge che impone ferrei vincoli alla cementificazione delle coste (niente costruzioni a meno di 300 m dal mare). Il 20 ‘‘marcia’’ su Cagliari.

18 aprile

Si vota anche nell’isola per otto referendum. Vota il 72,5% degli aventi diritto, trionfano i ‘‘si’’ abrogazionisti.

12 maggio

Secondo la Doxa il 37,8% degli italiani farebbe volentieri le vacanze in Sardegna.

30 maggio

Alla Maddalena registi e sceneggiatori a confronto su cinema e attualità’. Discussione sui “film sciacalli” avviata a Cannes dalla giornalista marcelle Padovani a proposito de ” la Scorta di Tognazzi. Le riprese di “L’onorevole Di Salvo”, film ispirato alla figura di Salvo Lima e agli intrecci tra mafia e politica, potrebbero iniziare il prossimo ottobre. Lo ha detto il regista Aurelio Grimaldi (“La discesa di Acla’ a Floristella”), intervenendo alla tavola rotonda dedicata dal Premio Solinas al cinema italiano, che ha scelto questa tribuna per difendere le ragioni dei film di impegno civile. La polemica sui film “sciacalli”, accesa al festival di Cannes dalla giornalista Marcelle Padovani a proposito de “La scorta” di Ricky Tognazzi, e’ stata al centro del dibattito sul tema “Scrivere nella bufera: il cinema italiano si confronta con l’attualita'”. Felice Laudadio, direttore del premio dal ’85 al ’92 (quest’anno lo guida Francesca Solinas) ha accusato la giornalista francese “di voler far tacere il cinema italiano: non e’ consentito a nessuno dare simili giudizi”. Laudadio se l’ e’ presa anche col critico Goffredo Fofi che aveva invitato certi registi “a stare zitti”, e ha parlato di “atteggiamento oggettivamente mafioso” anche se, ha ammesso, “il cinema deve riflettere sulla cronaca senza esserne travolto”. Pro e contro si sono schierati registi e sceneggiatori tra cui Gillo Pontecorvo, Carlo Lizzani, Mario Monicelli, Francesco Maselli, Ettore Scola, Roberto Faenza, Enzo Monteleone, Sandro Petraglia e Andrea Purgatori. Tutti d’ accordo nel criticare l’ intervento della Padovani, ma anche nel sottolineare il rischio che il cinema si limiti a proporre istant movie. Purgatori, giornalista e sceneggiatore de “Il muro di gomma” e “Nel continente nero” di Marco Risi, ha sostenuto che “parlare di sciacallaggio per certi film significa fare della censura”. Unica voce autocritica tra gli sceneggiatori, quella di Petraglia, che ha definito “legittimo” il disagio della Padovani “di fronte a film che tornano su certi argomenti con propositi di cassetta: sia lei che Fofi vogliono spingerci a uno sforzo stilistico e linguistico che liberi il cinema da una competizione impossibile con la tv”.

31 maggio

Il primo Parco regionale sarà quello del Limbara: lo annuncia l’assessore all’Ambiente, ma subito dopo comincia l’opposizione nei 10 comuni interessati al progetto.

26 giugno

L’ex Presidente Francesco Cossiga condannato a pagare 90 milioni di danni morali al senatore maddalenino Pierluigi Onorato. Gli insulti al senatore della Sinistra Indipendente in merito al caso Gladio non erano pronunciate nell’esercizio delle funzioni di presidente della Repubblica.

6 agosto

La Giunta regionale licenzia i piani paesistici.

10 settembre

Approvata dal Parlamento la legge che istituisce il Parco nazionale dell’Arcipelago della Maddalena.

21 novembre

Elezioni comunali in 23 centri tra cui La Maddalena.

3 dicembre

Furto nella “Casa Bianca” di Giuseppe Garibaldi nell’isola di Caprera. I ladri sono penetrati . forse di notte . nel Compendio garibaldino e si sono impossessati di alcuni quadri e cimeli dell’Eroe dei due mondi. Il museo garibaldino, tra i più frequentati d’ Italia, e’ composto dalla “stalla”, dalla “casa di ferro”, un piccolo edificio prefabbricato proveniente dall’Inghilterra e dal vasto complesso della “Casa Bianca. Del furto e’ stata presentata denuncia ed e’ stata immediatamente avvertita la Sovrintendenza ai Beni Culturali della provincia di Sassari.