U nosciu scoddu

Simbremmu fatti apposta, nò isulani,
pè criticà nò stessi e mugugnà;
e semmu sempri i primmi a sprufundà,
propriu cù i nosci mani,
quistu scoddu, ch’intantu si n’affutti
dè mugugni, dè ciatti e di nò tutti.
Fa tempu cardu? – Mamma mea, si mori!
Nun semmu, insomma, propriu mai cuntenti,
e i nosci malumori ce li sfughemmu, solidariamenti,
cù tempu cardu, oppuri cù punenti.
Dicini i vecchi: – A carni pari soia,
u pani gumma; nun gh’è mai verdura.
Cun tuttu quisti a paga nun ti dura
e in pochi jorni vola.
E nun parlemmu poi dè giuvanotti,
pezzi di fuca, veri galiotti !
So capaci di ditti – A Maddalena,
manca u più beddu, manca u più importanti …
Simbremmu divintati tutti santi.
A noscia vera pena,
quidda chi ci fa sempri marcuntenti.
Ma quandu finarmenti andemmu via,
e luntani pè monda ci ni stemmu,
de nosciu scoddu già ci n’ammintemmu
e chi malincunia ! …
Perché da fora – pari cosa strana
diventa bedda puri a tramuntana.

Bruno Oggiano